home page archivio documenti album multimediale biblioteca links scrivici
  
L’ultimo saluto ad un grande Marcello Tuveri


Sono qui, con la tastiera davanti, mentre cerco le parole adatte per un ultimo saluto ad un grande del pensiero. E tra le sue doti, tutte di pregio, nella mia mente risaltano per prime la modestia e la cordialità con le quali usava raffrontarsi.
     Forse non è un caso se a dare l’addio a Marcello Tuveri sia stata la data del 25 aprile: se lo meritava. Per quel suo sobrio stile di vita, l’asciutta scrittura priva di inutili fronzoli, il suo impegno disinteressato per contribuire e migliorare la società civile. Ma soprattutto per l’onestà che ha scandito il suo percorso lavorativo da manager di prestigio.
     In ogni campo del pensiero culturale, politico, etico, sardista autonomista, e repubblicano, ha saputo dire la sua con mirabile competenza, con stile, dopo essersi sapientemente informato e documentato su libri, riviste, saggi.
     Forse ha proprio ragione Ignazio Berri: con lui se ne va l’ultimo dei grandi che hanno saputo dar lustro alla piccola sparuta pattuglia di illusi repubblicani e sardisti autonomisti di matrice azionista, animando dibattiti e convegni sugli argomenti più interessanti della nostra vita quotidiana.
     Impossibile non accostare la figura di Marcello Tuveri a quelle di Lello Puddu e Salvatore Ghirra, i fondatori dell’Associazione ”Cesare Pintus”. Illustri personaggi che passeranno alla storia per aver dato ampio respiro ed obiettivi chiari a chi crede ancora che la politica ed il sociale siano questioni etiche sulle quali sia imprescindibile un serio dibattito pubblico ed approfondito.
     Chi, come me, ha avuto modo di apprezzare in Tuveri doti innate di manager e dirigente, ricorderà la apparente facilità con la quale, da direttore generale, seppe guidare l’Arst, l’Azienda regionale sarda dei trasporti, e presiedere l’Associazione Cesare Pintus. E chi ama leggere, non potrà che apprezzare gli scritti ed i testi che ci lascia in dono, alcuni dei quali pubblicati su questo sito, ed elencati in apposita pagina a Lui dedicata.
     Come da tradizione, resta poco noto il suo percorso massonico, a cui si riferisce Gianfranco Murtas in un articolo scritto di recente a ricordarne la scomparsa. Ma si può star sicuri che Marcello Tuveri abbia saputo garantire anche a quell’ambiente la pulizia e l’onestà che lo hanno contraddistinto durante la sua esemplare vita. Anche nelle logge deve essere stato punto di riferimento e garanzia di alta moralità.
     La perdita dolorosa di un grande uomo ed amico come Marcello Tuveri è attenuata dalla consapevolezza di una vita da lui percorsa all’insegna del lavoro instancabile e della correttezza.
     Resta in ogni caso una certezza: che i suoi limpidi insegnamenti saranno gelosamente custoditi con affetto da coloro che lo hanno conosciuto ed apprezzato.

di Giovanni Corrao - 04/05/2021


La pagina dedicata a Marcello Tuveri



Edere repubblicane - Copyright © 2021 WebMaster: Giovanni Corrao