home page indice documenti attività album multimediale presentazione links scrivici
  
Romanzo politico

     Esistono ancora trattorie all’antica sui colli romani, dalle parti di Frascati, dove si può bere del vinello giovane e buono, accompagnato da qualche assaggio di porchetta, salumi e formaggi saporiti.
     Coll’incedere della notte, gli occhi diventano sempre più brillanti, la voce cresce di tono, le parole escono dalla bocca incontrollate.
Cesarino: «… a Romolè, bono sto vino.»
Romoletto: «Daglie Cesarì, famone portà n'artra bottiglia: ….osteeeee!?!?!»
Cesarino: «... certo che sto Berlusca è proprio ‘n fico! Hai visto come l’ha fregati bene quelli del centrosinistra? In quattro e quattr’otto ci ha licenziato er Fini e s’è creato ‘nartra maggioranza.»
Romoletto: «Nun sarà un politico, ma dev’esse veramente uno che ce ragiona, dotato de intelligenza.»
Cesarino: «Guarda: proprio perché so sicuro che nun è ‘n tonto, ci ho un paio de idee che me ronzano ‘n testa da quarche tempo.»
Romoletto: «… per esempio?»
Cesarino: «Facce caso: Bersani e D’Alema fanno ‘na politica così ‘ndecente, dar punto de vista dell’opposizione, che viè da pensà che er Cavaliere l'abbia convinti a sta collui, non se sa come, ... ma se sa, se sa!»
Romoletto: «Tu me voi dì che sotto sotto pò esse che se so accordati? … è possibile, mo che me ce fai pensà. Peggio de così nun potrebbe esse pe sti poveri democratici. Se stanno a fregà da soli.»
Cesarino: «Perché, su la guera in Libia? Bossi nun c’è, e chi sarva er Governo? … Il gatto e la vorpe, naturalmente!»
Romoletto: «Ma lo sai che ci hai ragione?... nun c’avevo fatto caso.»
Cesarino: «Ma nun è finita: so furbi te dico!»
Romoletto: «… e allora?»
Cesarino: «A parte er fatto che pe sta Ruby hanno risolto tutto in fretta e furia, distratti come semo dar terremoto made in Japan e da sto puzzolente de Gheddafi, poi, pe bona misura, ci hanno messo pure er ministro d’area mafiosa ner Governo. Ce pensi? … osteeee … er vinooo!»
Romoletto: «Bhè, ma quella nun è corpa del Berlusca, dai! So stati li “responsabili” a forzà la mano. Lui ha dovuto cede!»
Cesarino: «… ma che dici? Lo vedi quanto sò furbi? Ortre a te, c’è cascato pure er Presidente, c’ha firmato!»
Romoletto: «… no dai Cesarì, nun capisco: che stai a dì?»
     L’oste porta il vino, e i due amici, sempre più rossi in volto, tracannano ancora del buon vino, brindando.
Cesarino: «Mo te spiego. C’è stata o no ‘na trattativa sottobanco fra Berlusconi e sti fregnoni vagabondi? … si o no?»
Romoletto: «E certo che ce sarà stata, me sembra logico, Cesarì! … ma ‘ndò voi arrivà?»
Cesarino: «Èccome, arrivo ar dunque: te pare che quer furbone der Cavaliere se faceva scappà n’occasione come questa pè accontentà l’amici sua in Sicilia, che fremono pe sto ponte che nun arriva?»
Romoletto: «… ma me voi dì che …»
Cesarino: «… Allora, cari siciliani, eccove er cioccolatino! … me sembra de sentirlo er genio d’Italia, mentre impone a quei poveri allocchi d'irresponsabili d’esse proprio loro a fà er nome der novo ministro.»
Romoletto: «... sò senza parole ...»
Cesarino: «… pensace! Ma chi sò sti responsabili? Bhooo!!! Nessuno saprà mai chi ha chiesto quer ministro: hai capito?»
Romoletto: «… o cavolo, ma ce lo sai? … sto vino te fa bene! … ahahahahah … te fa ragionà meglio … ahahaha»
Cesarino: «…. ahahaha ... e me lo immagino pure ar festeggiamento de li 150 anni der paese: mentre sta a pensà come fregà ancora l’italiani …»
Romoletto: «… ‘nnamo và ch'è tardi, pe oggi se semo fatti na bella bevuta. Ma famose st’urtimo brindisi: ar Cavaliere, a li baccanali sua, e a sto paese de rincoglioniti.»

Giovanni Corrao - 25/03/2011



Edere repubblicane - Copyright © 2011 WebMaster: Giovanni Corrao