home page archivio documenti album multimediale presentazione links scrivici
  
Addio Alberto Tasca, instancabile animatore culturale

     Il mondo della cultura in lutto per la scomparsa di Alberto Tasca, uno degli operatori più attivi e appassionati non solo in città, ma in tutta l'Isola.
     È scomparso all'età di 55 anni martedì scorso, per un male incurabile che lo aveva colpito di recente. Alberto Tasca è stato uno dei promotori e sino all'ultimo dirigente della società di servizi culturali più importante della Sardegna ”La Memoria storica", fondata una ventina di anni fa, che ha gestito e gestisce tuttora, musei e centri culturali, ha organizzato decine di mostre, e soprattutto ha salvato e sistemato gli archivi storici di diversi comuni.
     Nei momenti di attività più intensa la "Memoria" ha avuto oltre cento dipendenti a progetto che si aggiungevano al personale fisso della società: specialisti di ogni disciplina (archivisti, archeologi, architetti, storici dell'arte, bibliotecari) e custodi, operai, tecnici occupati nei numerosi cantieri. Una macchina perfettamente oliata che si reggeva sulle singole professionalità, ma soprattutto sulle capacità organizzative e imprenditoriali di Alberto Tasca. A lui si deve il recupero degli archivi della Marmilla e di Bosa, con manoscritti che risalivano al Cinquecento e che rischiavano di andare perduti per sempre. A Cagliari la "Memoria storica”' ha gestito l'Exmà, il Lazzaretto e altre istituzioni cittadine, oltre ad organizzare tante esposizioni.
     Nell'ultimo anno Alberto Tasca era seriamente preoccupato per il futuro della società e dei tanti dipendenti e specialisti che, grazie alle sue iniziative nei vari comuni, venivano impiegati per i progetti a termine. La nuova legge regionale sui Beni culturali - come aveva denunciato poco prima che venisse varata - anziché aiutare, ha messo in serio pericolo proprio queste realtà già consolidate nel territorio. E Tasca stava lavorando proprio per trovare soluzioni a questa paradossale situazione.
     Cagliaritano, una profonda preparazione culturale che si univa alle competenze tecniche, un appassionato impegno politico nel partito repubblicano e nella Lega delle cooperative dove ricopriva ruoli dirigenziali. Ma Alberto Tasca era apprezzato soprattutto per le sue qualità umane, per i modi cortesi da gentiluomo d'altri tempi.
     Nell'ultimo decennio, poi, si era avventurato nel settore della televisione acquistando l'oristanese Nova Tv. E ora si apprestava alla nuova sfida nel digitale. Il suo sogno era quello di trasformare un'emittente locale in una tv regionale.
di C.F. su l'Unione sarda del 07/06/2007


Edere repubblicane - Copyright © 2007 WebMaster: Giovanni Corrao